Itinerari

carta_egadi_640x280_2

Scegli solo dove andare…

La Sicilia Occidentale, con le Isole Egadi, offre fantastici itinerari, tra terre ricche di fascino e storia, ancora lontane dalla vita frenetica ed un mare dalle variegate sfumature di celeste.
Partendo da Marsala, veleggiando verso l’arcipelago delle Egadi, oltre a ripercorrere rotte antiche e piene di storia, potrete godere di paesaggi mozzafiato ed acque limpidissime protette da una riserva naturale.
Favignana, Levanzo e Marettimo, isole dal mare incontaminato e scenari travolgenti, selvagge e legate ad una lunga tradizione marinara.

Favignana

Considerata la perla delle Egadi, è la più vasta isola dell’arcipelago. Sabbie dorate, rocce maestose e calette ospitali.
Cala Rossa incanta per il turchese stupefacente del mare e le sue rocce di tufo che tuffandosi in mare creano suggestivi giochi di luce e trasparenze.
Cala Azzurra si respira un silenzio colore del cielo, immergendosi in un mare che è uno specchio.
Sull’isola sorprende l’eleganza dell’ottocentesca tonnara Florio, la più grande del Mediterraneo, che consente di rivivere tutta la tradizione di una pesca millenaria.
Senza tralasciare il trionfo dei sapori dell’isola: protagonista il tonno, il cous cous con la zuppa di pesce o le frascatole in brodo d’aragosta.

Marettimo

Solitaria e selvaggia, aspra e scoscesa, è l’isola più distante dell’arcipelago. I greci e i romani la chiamavano Hiera Sacra, per l’atmosfera magica e divina che la caraterizzava. Adesso il suo fascino misterioso e solenne continua ad avvolgerla, rendendola intrigante e remota al tempo stesso. L’isola si presenta come una montagna selvaggia con le sue falesie a picco sul mare, che si erge spendida ed incantata nel suo isolamento solenne. La ricchezza del suo paesaggio vi lascerà senza fiato.Non si può lasciare l’isola senza aver fatto un giro in barca con la guida esperta dei pescatori locali.
La grotta del Tuono, dove il mare rimbomba nei suoi anfratti, la grotta del Presepio e del Cammello.

Levanzo

Sempicità, mare e dolce lentezza. Sono questi gli ingredienti della piccola Levanzo. Ritmi rilassanti, il gusto del vivere la natura e le passeggiate al tramonto a dorso di mulo per i sentieri che si inerpicano sulla montagna.
Potrete doppiare i Faraglioni, visitare la “grotta del genovese” (famosa per le sue incisioni rupestri) e fare rotta verso Punta Cappero, Cala di Tramontana e Cala delle Pecore.
Lo stare insieme, a Levanzo è sereno e dolce, tra le storie della gente che vive nell’unico piccolo borgo esistente di case bianche con persiane blu, sulla splendida Cala Dogana.

San Vito lo Capo

Da non perdere poi San Vito Lo Capo, sulla costa nord-occidentale della Sicilia, racchiusa nella baia compresa tra le riserve naturali dello Zingaro ad Ovest e di Monte Cofano ad Est, sorge San Vito Lo Capo, antico borgo marinaro che conserva intatta la forte impronta araba.
In questo luogo, scenari smeraldo, profumi di gelsomino e sapori di cous cous si fondono dando vita ad un paesaggio dai colori e sapori tipicamente mediterranei e dai fondali suggestivi. Basse case bianche rivestite di buganvillea, una splendida baia, una spiaggia dalla sabbia bianchissima che si affaccia su un mare turchese, custode di tesori antichi in un ideale abbraccio verso il Mediterraneo.
E da qui, proprio “dietro l’angolo“, è d’obbligo proseguire la crociera costeggiando l’incontaminata costa della Riserva dello Zingaro, fino a fermarsi a vistare l’antica tonnara di Scopello.

 

Scarica il PDF con l’itinerario  :  SETTIMANA IN CATAMARANO